giovedì 27 novembre 2014

Il mio transfer e la cova

Cinque minuti d'orologio, tanto è durato il transfer.
"Signora, dei tre fecondati solo uno e andato avanti ma è molto buono."
Un simpatico speculum, poi ho intravisto un cateterino ma non ho sentito assolutamente nulla, due passate di ecografo sulla vescica piena (una torturaaaa!!!!) e avevano finito.
E poi siamo ripartiti finalmente verso casa. 
Ho passato il pomeriggio e la sera sul divano, non mi hanno dato particolari indicazioni, solo moderato riposo, non sollevare pesi e niente sport. Fisicamente a parte qualche crampetto di assestamento dell'utero - perfettamente normale - tutto ok. Psicologicamente è strano. Un pó pensiamo "come va, va" un pó pensiamo: "e se va? E se non va?"
E poi si cerca di non pensarci che tanto devono passare questi 14 giorni...il maritino è un amore, super premuroso e collaborativo e io mi sforzo di stare tranquilla e fare cose poco impegnative fisicamente, non trovo facile capire cosa mi stanca e cosa no!
Per esempio ieri dovevo caricare la lavatrice, stavo per sollevare il cestone dei panni sporchi...poi ci ho pensato: potrò farlo?? Nel dubbio l'ho trascinato ma mi sono sentita un pò cretina!!

Ieri sono rientrata a lavoro con il tassativo impegno di "stare tranquilla". In realtà è un periodo denso di lavoro e di stress perciò non è così semplice....ma la cosa che mi fa rabbia è che tutto sommato potrei affrontare bene tutto se non fosse per una collega...cattiva. È proprio cattiva e per quanto mi impegni a neutralizzarla e ignorarla purtroppo ci devo lavorare e la fatica più grande è evitare che lei mi agiti. A me dispiace proprio avere a che far con una persona così disturbata polemica e cattiva, mi dispiace per lei, ne ho pena. All'inizio ho provato ad esserle amica ma ha troppi problemi con se stessa....è un disastro.
Non voglio essere egoista ma la situazione è delicata e io devo pensare a me, anzi, a noi, anzi a "là dentro".

Non credo che sarò mai una di quelle persone che "sente" di essere o non essere incinta, però ho una sensazione: mi sembra che per aiutare il cosino ad attecchire sia necessario trasmettergli amore, quindi se mi arrabbio o se faccio pensieri cattivi nei confronti della mia collega che mi tormenta non è bene per il cosino, devo fare solo pensieri d'amore, deve stare per 14 giorni cullato in pensieri d'amore di gioia e serenità. Un incoraggiamento insomma, ma anche un gesto di rispetto, di cura nei suoi confronti.

Oggi è il secondo giorno di cova, mancano 12 giorni al test di gravidanza, anzi, 11, perchè faremo quello casalingo l'8 dicembre: il giorno dell'Immacolata Concezione, data a me particolarmente cara e giorno del nostro anniversario, da 9 anni insieme. <3





4 commenti:

  1. Che bello, è dentro di te!!!! Sono d'accordo con te sui pensieri d'amore, in quel libro che sto leggendo dice che gli fanno benissimo!!! Nenach'io ho sentito assolutamente di essere incinta, anzi, il contrario, ero quasi sicura di non esserlo!! Secondo me avete fatto tutto benissimo e adesso andare a lavoro ti aiuterà a stare più tranquilla con la testa e a far pasare prima il tempo, collega permettendo! E comunque anche se ti arrabbi, la mia riflessologa-maga dice che la rabbia viene sentita dal bimbo come "forza", quindi va bene anche quella!!!! :) Ti abbraccio fortissimo e un bacio alla pancia abitata!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dolce Ellie, grazie come sempre per il tuo ottimismo e il tuo calore, incrocio le dita!!

      Elimina
  2. Uno ma molto buono!!..e non dico altro…anzi si: che sono con te e faccio il tifo per te e per quel "cosino" che hai dentro.
    Ora bisogna solo far passare questi giorni che forse sono quelli che fanno più paura perché la testa va da tutte le parti tranne dove vuoi tu (almeno per me è stata così nell'ultima volta)..l'importante è stare tranquille e serene, quindi quella tua carissima collega non filartela proprio per questi giorni ok? Tienici aggiornate un mega bacione!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tenera Dameffina a te riservo un abbraccio speciale <3

      Elimina