venerdì 8 marzo 2013

Nuovo inizio

Oggi è venerdì, piove, il ciclo è andato, ma sono di buon umore.
La visita dalla nuova gine, la conferma di non essere incinta nemmeno questo mese, l'inizio delle pratiche per capire se c'è qualcosa che non va, nominando esami che sono spettro di insicurezze ansie, sensi di colpa, mi avevano seriamente rabbuiato.
Ma parlare con un'amica che ci è già passata - e che ora ha due splendidi figli -  mi ha rasserenata. Non è cambiato nulla, ma ho condiviso il fardello, non sono solo io, non è un fallimento nostro, è qualcosa che capita a tanti. E' sciocco ma anche se lo sapevo già, parlarne mi ha rassicurato.
Sono stata a casa, per il matrimonio di mia sorella, una boccata di ossigeno, amore, semplicità e sorrisi, quel che ci voleva!
Sono tornata a Frascati piena di pensieri positivi, ma poi il ritorno alla vita quotidiana non rende le cose semplici.
C'è una cosa però. Il mio maritino continua a combattere con il precariato, e forse - ci siamo detti - forse se questo pupo non arriva sarà anche per questo, perchè non è il momento...non abbiamo accennato a nessun rallentamento o pausa nella caccia alla cicogna, però so che se non arriva almeno un lato positivo c'è, che il mio adorato Re sarà un pò più tranquillo. Perchè io lo so che se fosse per lui lavorerebbe solo lui 24h al giorno per provvedere a me e al suo pargolo, se arrivasse. E' così tenera la sua voglia di difendere e provvedere alla sua cuccia, al suo nido, ed è palpabile la sua frustrazione per non poter dire "provvedo io a portare il pane a casa".
Insomma, ci riproviamo, con calma, anche perchè ovulazione e turni di lavoro non vanno sempre d'accordo, ma quel che sarà sarà!

Nessun commento:

Posta un commento